Le professioni tecniche chiedono l'obbligo di iscrizione a un albo per gli ausiliari del giudice | Chimici.info

Le professioni tecniche chiedono l’obbligo di iscrizione a un albo per gli ausiliari del giudice

Viene presentato in questi giorni un position paper nel quale le professioni tecniche propongono alcune modifiche ai principi per l'affidamento di incarichi ai consulenti tecnici nel giudizio civile

consulenza_giudice
image_pdf

Una serie di proposte atte a definire i nuovi principi generali per l’affidamento di incarichi professionali agli ausiliari del giudice. Le ha elaborate la Rete delle Professioni Tecniche e sono a supporto dei magistrati nell’individuazione dei consulenti tecnici nel giudizio civile, degli esperti nominati dal giudice, dei periti del giudice e dei consulenti del pubblico ministero.

Il primo principio al quale, a parere della RPT, occorrerà attenersi è il rafforzamento dell’obbligo d’iscrizione ad un albo o registro professionale, al fine di garantire – secondo la RPT- un adeguato livello di professionalità. Inoltre, gli elenchi degli ausiliari andranno costantemente aggiornati e suddivisi per macro-aree di riferimento. Senza contare l’introduzione di maggiori garanzie di trasparenza nel conferimento degli incarichi e un’equa rotazione e distribuzione degli stessi.

La Rete, infine, propone anche di prevedere, nel momento della rotazione degli incarichi, maggiori garanzie per i giovani professionisti. Oltre a questo, la Rete propone di valorizzare il contributo dei professionisti tecnici nei procedimenti giurirdizionali. Attraverso l’istituzione, ad esempio, di sezioni specializzate, a composizione mista, per la risoluzione di giudizi di natura tecnico-scientifica che prevedano anche la partecipazione di esperti in materia. Allo stesso modo, nei giudizi aventi ad oggetto temi di natura tecnico-scientifica, la Rete propone l’integrazione della giuria popolare con professionisti dell’area tecnica.

Infine, chiede che vengano aggiornati i compensi degli ausiliari del giudice, penalizzati dal mancato adeguamento degli onorari di periti e consulenti tecnici. Tutte queste proposte sono contenute in un Position Paper che la Rete delle Professioni Tecniche presenterà e discuterà in occasione dell’evento “Iscrizione del consulente tecnico agli albi professionali: garanzia di Giustizia più efficiente” organizzato dalla stessa Rete, in programma martedì 19 aprile a Roma. Al convegno parteciperanno tutti i Presidenti degli Ordini e Collegi nazionali aderenti alla RPT: Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori; Chimici, Dottori Agronomi e Dottori Forestali; Geologi; Geometri e Geometri Laureati; Ingegneri; Periti Agrari e Periti Agrari Laureati; Periti Industriali e Periti Industriali Laureati; Tecnologi Alimentari.

Copyright © - Riproduzione riservata
Le professioni tecniche chiedono l’obbligo di iscrizione a un albo per gli ausiliari del giudice Chimici.info