OGM: BASF abbandona la produzione in Europa | Chimici.info

OGM: BASF abbandona la produzione in Europa

wpid-10642_adceffbdcwi.jpg
image_pdf

Il gigante tedesco dell’industria chimica BASF ha annunciato che abbandonerà ogni forma di ricerca legata alle colture OGM in Europa e trasferirà i propri studi biotecnologici negli Stati Uniti e in Sudamerica. Il laboratorio base di Limburgerhof in Germania verrà trasferito a Raleigh, nel North Carolina, con una stima di perdita di 140 posti di lavoro in Europa, tra lo stabilimento tedesco e quello di Svalöv in Svezia.

Il dott. Stefan Marcinowski, membro dell’esecutivo BASF, motiva questa pesante decisione con la scarsa accettazione da parte del mercato europeo e con l’alta resistenza allo sviluppo di tecnologie OGM, nonostante sottolinei la ferma convinzione dell’azienda che le biotecnologie abbiano un ruolo chiave per lo sviluppo nel secolo corrente.

Attualmente in Europa è autorizzata esclusivamente la coltura di due tipologie di cerealicoli OGM: il mais MON810, creato dall’americana Monsanto, l’unico di cui è concessa la vendita come cibo per animali, e la patata Amflora prodotta da BASF, utilizzata nei processi industriali.

L’azienda ha confermato di voler comunque completare i processi di approvazione per il mercato europeo delle altre patate prodotte (la Amadea e la Modena), così come di un modello resistente alle malattie chiamato Fortuna, mentre proseguirà la collaborazione con la Monsanto per perfezionare prodotti resistenti alla siccità come la soia e il cotone.

La decisione di BASF ha suscitato posizioni discordanti, ma è stata generalmente apprezzata nel nostro territorio; alcune associazioni come Greenpeace hanno lodato la decisione, sottolineando la necessità per l’Europa di difendersi da un’impostazione agricola di tipo industriale; anche Coldiretti individua nel fallimento economico degli Ogm in Europa un successo poiché “il nostro agroalimentare punta sulla distintività”.

V.R.

Copyright © - Riproduzione riservata
OGM: BASF abbandona la produzione in Europa Chimici.info