L'industria chimica tra sostenibilita' e ambiente: il rapporto Responsible Care | Chimici.info

L’industria chimica tra sostenibilita’ e ambiente: il rapporto Responsible Care

wpid-25023_industriachimicalogorapporto.jpg
image_pdf

L’industria chimica può essere considerata un settore modello in merito alla responsabilità delle imprese nei confronti di ambiente, sicurezza e sostenibilità: nell’arco degli ultimi 20 anni il sistema industriale chimico ha tagliato le emissioni inquinanti di circa il 95% e quelle negli scarichi idrici del 65%, rispetto al 1990. Le emissioni di gas serra sono inoltre state abbattute del 68%, perciò il settore già dal 2005 il settore è in linea con gli obiettivi europei al 2020, che prevedono la riduzione del 20%.

I dati sono contenuti nell’edizione 2014 del Rapporto Responsible Care, il programma volontario mondiale promosso dall’industria chimica nell’ottica della tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori, dei consumatori e dell’ambiente. Il rapporto, giunto alla 20esima, è stato presentato nei giorni scorsi da Federchimica presso la Camera dei deputati.

LEGGI ANCHE: Le industrie chimiche sono le piu’ attente al rischio ambientale

Dall’analisi emerge che le imprese chimiche dedicano ogni anno oltre il 2% del fatturato a sicurezza, salute e ambiente e realizzano investimenti pari a circa il 20% del totale investito. Gli effetti positivi sono molteplici e non riguardano solo le considerazioni ambientali in senso stretto: basti pensare che grazie a questa ‘convergenza sostenibile’ i consumi energetici sono stati ridotti, in valore assoluto, del 38,2% rispetto al 1990. E’ non è solo ‘colpa’ della crisi economica: il miglioramento conseguito è testimoniato dall’Indice di efficienza energetica, migliorato del 44,9% e calcolato a parità di produzione.

L’industria chimica appare come modello da esportare anche sul piano della sicurezza sul lavoro: secondo l’Inail, infatti, è il settore con il minor numero di malattie professionali e il secondo con il minor numero di infortuni rapportato alle ore lavorate dai dipendenti.

LEGGI ANCHE: Parte il nuovo Osservatorio nazionale della chimica

Afferma Cesare Puccioni, presidente Federchimica: “ Il nostro settore è diventato sempre più efficiente e competitivo, garantendo al contempo il rispetto dell’ambiente e la crescita economica; infatti, la competitività industriale è un fattore chiave anche nel complesso percorso verso la sostenibilità. La chimica si candida a diventare modello di sviluppo ambientale, economico e sociale; i criteri adottati da Responsible Care per conseguire gli straordinari risultati che da 20 anni abbiamo l’orgoglio di presentare, possono essere un contributo reale al dibattito intorno al tema cruciale della crescita sostenibile”.

Il rapporto Responsible Care è visibile in forma integrale a questo link.

Copyright © - Riproduzione riservata
L’industria chimica tra sostenibilita’ e ambiente: il rapporto Responsible Care Chimici.info