La prima immagine 3D di una singola proteina | Chimici.info

La prima immagine 3D di una singola proteina

wpid-10717_proteinad.jpg
image_pdf

Utilizzando un crio-microscopio elettronico, che opera a temperature molto basse grazie all’azoto liquido, i ricercatori del Berkeley Lab guidati da Gang Ren hanno generato le prime immagini 3D di una singola proteina, con una chiarezza sufficiente a determinare la sua struttura.

La nuova tecnica, definita dagli stessi scienziati Ipet (Tomografia elettronica di una particella individuale), ha dunque permesso di “scattare la foto” di una singola struttura molecolare. Il lavoro degli scienziati è stato descritto sul numero del 24 gennaio della rivista PLoS One e le immagini 3D riportate nel documento sono quelle di una singola apolipoproteina A-1 (ApoA-1), coinvolta nel metabolismo umano.

Obiettivo dei ricercatori è ora quello di produrre singole immagini di proteine chimicamente significative, come le Hdl, le lipoproteine ad alta densità che rimuovono il colesterolo in eccesso dai tessuti periferici per portarlo al fegato o ai tessuti steroidogenici, come le ghiandole surrenali o le gonadi.

“Osservare la personalità delle singole molecole con una profondità ritenuta fino ad ora impensabile – ha spiegato Gang Ren – permette di comprendere la flessibilità di queste strutture, osservarne le parti mobili e quindi capire meglio i meccanismi di interazione tra le molecole biologiche”.

O.O.

Copyright © - Riproduzione riservata
La prima immagine 3D di una singola proteina Chimici.info