La batteria ecologica fatta di ossigeno e silicio | Chimici.info

La batteria ecologica fatta di ossigeno e silicio

wpid-3725_chimic.jpg
image_pdf

Una nuova batteria “ecologica” è stata messa a punto da un team di scienziati del Technion Institute of Technology di Haifa, in Israele. La batteria può funzionare continuativamente moltissime ore e mantenere inalterata la propria carica per tempi molto lunghi.

Il suo segreto è nei componenti: ossigeno e silicio, infatti, il catodo è in silicio e l’anodo è fatto ..d’aria o meglio d’ossigeno atmosferico. Il tutto la rende leggerissima e molto tollerante alle condizioni di umidità dell’aria ed a basso costo.

Come ha spiegato il responsabile del progetto Yair Ein-Eli, questa nuova pila è ecologica perché utilizza materiali facilmente riciclabili, è estremamente leggera, è economica in quanto costruita con materiali abbondanti sulla Terra e presenta una vita di scaffale illimitata. Queste batterie potrebbero essere usate a complemento delle celle a combustibile, ad esempio favorendo la produzione dell’ossigeno.

“Nelle batterie metallo-aria si ha un significativo risparmio in termini di peso e costi a causa del fatto che non incorporano un catodo” ha spiegato il professor Yair Ein-Eli della Facoltà di Ingegneria dei Materiali del Technion, che da anni compie ricerche sulle batterie metallo-aria. “In questo tipo di batterie il catodo è l’ossigeno che proviene dall’atmosfera passando attraverso una membrana”.

Il principio di funzionamento di tutte le batterie che utilizzano l’ossigeno come catodo è sostanzialmente lo stesso. L’uso del silicio al posto di un metallo, secondo Ein-Eli, fornisce però numerosi vantaggi: “Il silicio è un materiale più comune e stabile, non pericoloso, leggero e con una più elevata capacità di carica”.

Per il momento le batterie silicio-aria sono state concepite come pile non ricaricabili da utilizzare in dispositivi elettronici mission-critical, come ad esempio le pompe insuliniche per i diabetici, e in altri dispositivi dove è difficile se non impossibile cambiare la batteria.

I ricercatori stimano che in tre anni questo tipo di batterie potrà diventare ricaricabile e in dieci anni saranno utilizzate normalmente a bordo dei veicoli elettrici. I risultati dei ricercatori dell’Istituto Technion sono stati pubblicati sulla rivista “Electrochemistry Communications”.

Copyright © - Riproduzione riservata
La batteria ecologica fatta di ossigeno e silicio Chimici.info