In Usa si cambia: bisognerà provare l'innocuità delle sostanze chimiche | Chimici.info

In Usa si cambia: bisognerà provare l’innocuità delle sostanze chimiche

wpid-4515_tossico.jpg
image_pdf

Ancora ad oggi, negli Usa, le norme sulla sicurezza delle sostanze chimiche prevedono che il governo intervenga sulla loro commercializzazione solo quando si è provato che essi siano una minaccia per la salute. Le aziende non sono tenute a fornire dati che mostrino i possibili rischi.

Le leggi, risalenti a 34 anni, antiquate e inefficienti, grazie alla collaborazione fra i gruppi ambientalisti, governo e industria chimica, finalmente andranno rinnovate mediante un nuovo “piano regolatore”.

La legge, che sarà presentata dal senatore democratico del New Jersey Frank Lautenberg, richiederà che le industrie testino la sicurezza degli agenti chimici prima di introdurli nel mercato, una virata netta rispetto alla legge precedente, che prevedeva la possibilità di utilizzare prodotti chimici fino a che il governo federale non ne avesse accertato la pericolosità per la salute o per l’ambiente.

Con le norme attuali il governo ha pochissime informazioni, se non nessuna, sui rischi nell’uso dei prodotti chimici, e può intervenire solo nel caso questi siano una minaccia per la salute. Oltretutto la Environmental Protection Agency (Epa), ente per la protezione ambientale, non può forzare le aziende a fornire dati che mostrino i rischi.

La nuova legge obbligherà invece le aziende a fornire all’Epa i dati sulla sicurezza degli 84.000 agenti chimici in uso e permetterà quindi all’Epa di restringere l’utilizzo di prodotti chimici a rischio o anche di bandirli. L’ente potrà  quindi stabilire quali saranno sicuri e quali dovranno essere invece ritirati dal mercato.

“Vogliamo che le nuove aziende siano responsabili dell’analisi dei prodotti chimici prima che questi siano rilasciati sul mercato”, ha spiegato Lautenberg. “Questo eviterà che l’Epa sia costretta a cercare eventuali problemi”. Secondo l’amministratrice dell’Epa Lisa P. Jackson la legge è un “notevole passo avanti”. Dopo due tentativi andati a vuoto, Lautenberg questa volta ha avuto l’appoggio della Casa Bianca e dei gruppi ambientalisti, ma soprattutto dell’industria chimica.

“Sicuramente non faremo ostruzione”, ha, infatti, commentato Cal Dooley, presidente dell’American Chemistry Council, “siamo, infatti, impegnati in un discorso costruttivo per portare avanti questa nuova legislazione”.

Copyright © - Riproduzione riservata
In Usa si cambia: bisognerà provare l’innocuità delle sostanze chimiche Chimici.info