Ig Nobel: quando la scienza fa sorridere | Chimici.info

Ig Nobel: quando la scienza fa sorridere

wpid-5697_ooooirccardbackpix.jpg
image_pdf

Il Premio Ig Nobel è una parodia del premio Nobel, assegnato ogni anno prima o dopo l’annuncio dei vincitori del vero Premio Nobel. E anche quest’anno sono stati assegnati dieci premi ad altrettante ricerche scientifiche di dubbia costruttività.

Sarebbe un errore pensare però che questi siano studi poco seri: sono, infatti, pubblicati su riviste scientifiche internazionali e condotti dalle più prestigiose università e i premi vengono assegnati da un comitato di scienziati autorevolissimi.

La cerimonia, in questa edizione dedicata ai batteri, come ogni anno si è tenuta nel teatro dell’università di Harvard, e a premiare i vincitori sono stati chiamati dei “veri” premi Nobel, Sheldon Glashow, Roy Glauber e Frank Wilczek, che hanno ottenuto il premio per la fisica, James Muller, Nobel per la pace nel 1985 e il chimico William Lipscomb.

Quest’anno vincono il premio anche tre italiani: Alessandro Pluchino, Andrea Rapisarda, e Cesare Garofalo dell’Università di Catania, che mediante un modello matematico hanno fornito una dimostrazione scientifica al cosiddetto principio di Peter (che prende il nome dallo psicologo canadese Laurence Peter, il quale definì in chiave satirica i meccanismi che governano le carriere nelle aziende) secondo il quale “in ogni gerarchia, un dipendente tende a salire fino al proprio livello di incompetenza”. Lo studio ha dimostrato che se anziché per merito, competenze, conoscenze o altro le persone ricevono promozioni assolutamente a caso, ciò fa molto più bene ad una azienda.

Gli altri premi:

– Per la chimica per aver confutato l’antica convinzione che petrolio e acqua non si mescolano;

– Per la biologia è stato premiato uno studio che ha documentato scientificamente la pratica della fellatio fra i pipistrelli;

– Per la medicina un premio per aver scoperto che i sintomi dell’asma possono essere alleviati con un giro sulle montagne russe;

– Per la fisica un premio per avere dimostrato che se d’inverno si cammina su una strada ghiacciata portando i calzini al di sopra delle scarpe, si cade meno;

– Per la pace un premio per aver dimostrato che imprecando si sopporta meglio il dolore;

– Per la salute pubblica per aver stabilito sperimentalmente che in laboratorio i batteri si attaccano meglio ai ricercatori barbuti.

G.G.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Ig Nobel: quando la scienza fa sorridere Chimici.info