I massimi scienziati si incontrano a Lindau | Chimici.info

I massimi scienziati si incontrano a Lindau

wpid-4962_vegt.jpg
image_pdf

S’incontreranno a Lindau, in Germania, i maggiori scienziati di tutto il mondo per il sessantesimo «Meeting dei Nobel Laureates» dal 27 giugno al 2 luglio. Sarà il «Brain storming» più atteso dell’anno grazie all’incontro di 61 Premi Nobel e 658 giovani ricercatori di 70 Paesi. Tra questi vi saranno anche 12 ricercatori italiani che, come tutti gli altri, sono stati selezionati da rigorose commissioni internazionali per partecipare al convegno e dialogare e confrontarsi con i più grandi scienziati viventi.

Aprirà il programma scientifico Ada E. Yonath, incoronata per la Chimica nel 2009, grazie alla mappatura a livello atomico dei ribosomi. Per l’Italia interverrà lo scienziato Carlo Rubbia, Nobel per la Fisica del 1984, che terrà una lettura sulla «Fisica del neutrino e della materia oscura».

Ma sarà un evento all’insegna della interdisciplinarietà: si tratterà di tutto: salute, ambiente, energia, commercio internazionale, competitività, mercati del lavoro, innovazioni delle ricerche di base ed applicate.

Niente scienziati con la testa perennemente tra le nuvole e con interessi lontani dai comuni mortali. Solo una profonda conoscenza ed interesse per l’uomo, per il suo futuro e per quello del mondo. Alcuni esempi, assai pratici e di comprensione comune: Ghewrard Ertl e la marmitta catalitica, Harald zur Hausen ed il tumore del collo dell’utero determinato dal papillomavirus, Richard R. Ernst e la risonanza magnetica, Mario Molina ed il buco dell’ozono.

Copyright © - Riproduzione riservata
I massimi scienziati si incontrano a Lindau Chimici.info