I batteri "marziani" scoperti nell'Oregon | Chimici.info

I batteri “marziani” scoperti nell’Oregon

wpid-10432_nuovamarte.jpg
image_pdf

Come pubblicato sulla rivista Astrobiology, una ricerca della Oregon State University, finanziata dalla Nasa, ha scoperto dei comuni batteri possono che sopravvivere anche in condizioni estreme. La scoperta è avvenuta in un condotto lavico della Catena delle Cascate, sistema montuoso del Nord America con imponenti vulcani, che presenta caratteristiche climatiche simili a quelle del Pianeta Rosso.

Questi microbi si trovano a 1.500 metri di altitudine, nel ghiaccio, con temperature molto basse e quasi in assenza di ossigeno. Riescono a nutrirsi anche senza sostanze organiche, assorbendo energia dall’ossidazione del ferro contenuto in un minerale di origine vulcanica presente anche su Marte, l’olivina.

Nello stesso condotto, sono state ritrovate delle rocce con tracce create dagli stessi batteri, simili ad altre ritrovate su un meteorite proveniente dal Pianeta Rosso.

La scoperta dimostra che, quando in passato la pressione atmosferica e la temperatura erano più alte, su Marte sarebbero potuti nascere degli ecosistemi basati su questo tipo di microbi. E’ questo un altro piccolo segno della possibilità che vi ci sia stata vita.

C.C.

Copyright © - Riproduzione riservata
I batteri “marziani” scoperti nell’Oregon Chimici.info