Gas serra: è la posizione dei residui di fluoro che li rende nocivi | Chimici.info

Gas serra: è la posizione dei residui di fluoro che li rende nocivi

wpid-4723_gasserra.jpg
image_pdf

Tra i gas noti per causare l’effetto serra, gli alocarburi sono tra i più nocivi. Questi gas di origine antropica, generati da processi industriali, secondo un nuovo studio della NASA sono i più dannosi per lo strato di ozono stratosferico. Gli scienziati hanno analizzato decine di composti di gas ad effetto serra classificandoli come agenti del riscaldamento globale.

L’obiettivo di questo studio è  stato quello di creare uno strumento aiutasse a definire delle linee guida per aziende chimiche che producono potenti gas ad effetto serra, come i perfluorocarburi (PFC) e gli idrofluorocarburi (HFC), che sono utilizzati in oggetti di uso quotidiano come i condizionatori d’aria.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Proceedings della National Academy of Sciences, ha scoperto che le sostanze chimiche che contengono fluoro sono dei gas ad effetto serra molto più  forti di quelli che contengono cloruro di idrogeno. Sostanze come PFC, HFC e clorofluorocarburi (CFC), sarebbero i veri  responsabili della distruzione dello strato di ozono. I ricercatori hanno in particolare esaminato come il numero e la disposizione degli atomi di fluoro all’interno di una molecola chimica determina la sua attività nell’effetto serra.

Dunque conoscendo le caratteristiche molecolari sotto questo punto di vista si potrebbero progettare strategie per minimizzare il contributo di queste sostanze al riscaldamento globale. Timothy Lee, capo della ricerca spaziale e della Divisione Astrobiologia della NASA, all’Ames Research Center di Moffett Field, in California e il suo team hanno esaminato cinque classi di composti fluorurati classificandoli per la loro efficienza come gas serra, capacità conosciuta come “efficienza della molecola radioattiva“ per determinare quali sostanze chimiche sono più dannose per l’ambiente.

Ridurre semplicemente il numero di atomi di fluoro non è sufficiente per ridurre l’impatto ambientale di una sostanza chimica. Lo studio fa raccomandazioni specifiche circa l’orientamento e il numero di molecole di fluoro nei gas serra. Lo screening per una sostanza chimica e l’efficienza della molecola radioattiva potrebbero diventare un ulteriore vincolo per le società che producono gas ad effetto serra, le quali potrebbero così essere costrette a prenderle in considerazione queste caratteristiche nel processo di progettazione.

Riferimenti: http://www.nasa.gov/centers/ames/news/releases/2010/10-37AR.html

Copyright © - Riproduzione riservata
Gas serra: è la posizione dei residui di fluoro che li rende nocivi Chimici.info