Fotocatalisi per “ripulire” le acque dei fiumi inquinati | Chimici.info

Fotocatalisi per “ripulire” le acque dei fiumi inquinati

wpid-4284_purifica.jpg
image_pdf

Non vi è dubbio che la fotocatalisi vada assumendo un ruolo sempre più primario nei processi biologici e nelle attività di controllo ambientali. Infatti, il bisogno di un ambiente più pulito e di una migliore qualità della vita esortano a pensare ad un uso eco-compatibile della luce e del sole ed in questo contesto la fotochimica potrebbe trasformarsi in una soluzione molto interessante tanto da diventare parte integrante della strategia mirante a ridurre l’inquinamento ambientale attraverso l’uso di fotocatalizzatori.

Negli ultimi anni l’interesse scientifico e tecnico per le applicazioni della fotocatalisi è cresciuto esponenzialmente. Più di duecento studi per anno vengono pubblicati nel solo settore del trattamento di aria e acqua. Ed è in questo contesto l’istituto di Chimica inorganica e delle superfici del Cnr insieme ai tecnici della Fondazione fenice Acegas e Conune di Padova stanno lavorando alla sperimentazione di una moderna tecnologia che prevede l’uso del biossido di titanio contro l’inquinamento dell’acqua.

Il TiO₂ è notoriamente attivo nei processi fotocatalitici a scopo fotodegradativo: i risultati di sperimentazioni ed applicazioni mirate a ridurre l’inquinamento ambientale hanno permesso di concludere che materiali trattati con Tio2 e irradiati con luce solare e/o artificiale, mostrano un’elevata efficienza nell’ossidare sostanze organiche e inorganiche (NOx; SOx; NH3 (gas); Clorurati organici; Acetaldeide; Formaldeide).

L’esperimento che sarà a condotto a Padova per “ripulire” le acque insalubri del fiume Roncajette. L’obiettivo finale è quello di realizzare un impianto pilota con filtri al titanio da porre a valle del depuratore di Ca’ Nordio. Il Roncajette è il tratto finale del fiume Bacchiglione, che lambisce il territorio a sud est di Padova, prima di confluire nel Brenta e quindi nell’Adriatico.

 “Attualmente stiamo predisponendo test per la verifica della sua attività rispetto a inquinanti reali – spiega Gilberto Rossetto dell´Icis-cnr – e in sistemi in condizioni di flusso continuo. Se anche in questa fase i risultati saranno positivi, il principio potrà essere applicato su scala industriale. Il progetto prevede, infatti, la collocazione di un impianto pilota, costituito da filtri speciali a valle del depuratore di Ca´ Nordio, auspicando anche la realizzazione di economie di scala sulle spese di gestione”. “Si tratta di un progetto di riqualificazione delle acque – commenta l´assessore Mauro Bortoli – che si inserisce nel più ampio disegno di implementazione del sistema fognario e della rete idrica padovana. Un tema complesso e prioritario per la città che anche la tecnologia e la ricerca, come in questo caso, possono contribuire a risolvere”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Fotocatalisi per “ripulire” le acque dei fiumi inquinati Chimici.info