Dagli Usa prodotto il liquido “acchiappa inquinamento” | Chimici.info

Dagli Usa prodotto il liquido “acchiappa inquinamento”

wpid-3215_00000.jpg
image_pdf

I ricercatori del Department of Energy’s Pacific Northwest National Laboratory (PNNL) hanno sviluppato un liquido riciclabile che assorbe i gas nocivi come il biossido di carbonio e il biossido di zolfo presenti nelle emissioni industriali delle centrali elettriche. Il processo potrebbe direttamente sostituire gli attuali metodi e consentire alle centrali di dimezzare la quantità di gas nocivi dispersi nell’ambiente, con un metodo economico e che necessita di poca energia.

I gas nocivi come il biossido di carbonio e biossido di zolfo sono chiamati “gas acidi”. Il nuovo processo utilizza dei liquidi capaci di catturare questi gas acidi a temperatura ambiente.

Questi liquidi riciclabili sono una combinazione di acqua e monoetanolamina, una molecola organica che acquisisce l’anidride carbonica.

“Gli attuali metodi utilizzati per acquisire anidride carbonica dagli impianti utilizzano molta energia perché riscaldano e pompano una grande quantità d’acqua durante il processo ” ha detto David Heldebrant, il ricercatore fra gli autori del progetto. Egli spiega che la monoetanolammina è troppo corrosiva se utilizzata senza grandi quantità d’acqua.

Nel processo del PNNL chiamato ” Reversible Acid Gas Capture “, le molecole che legano i gas acidi sono già in forma liquida e non contengono acqua. I liquidi organici che legano i gas richiedono dunque una temperatura più bassa rispetto alle soluzioni attuate finora.

Il lavoro svolto da Heldebrant e il suo team è stato presentato all’American Chemical Society in occasione del Fall 2009 Meeting and Exposition il 18 agosto.

Questo lavoro è supportato dalle iniziative del Pacific Northwest National Laboratory’s Energy Conversion il cui scopo è quello di individuare  nuovi modi per fornire energia pulita e sicura.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Dagli Usa prodotto il liquido “acchiappa inquinamento” Chimici.info