1,7 milioni di euro per ideare una formula | Chimici.info

1,7 milioni di euro per ideare una formula

wpid-3145_nanotecnologia.jpg
image_pdf

Un nuovo progetto, finanziato dall’UE, ha lo scopo di riunire gli esperti di formulazione in un’unica rete. Battezzato INFORM (“Integrating the nanoscale in formulations”), questo progetto triennale da 1,7 milioni di euro è stato finanziato nell’ambito del Settimo programma quadro (7° PQ) dell’UE.

Gli scienziati che si occupano di formulazione studiano il modo di mescolare materie prime per creare nuovi prodotti. Il Formulation Science and Tecnology Group nel Regno Unito, uno dei partner del progetto INFORM, ha dichiarato che “ideare una formula è come scrivere una ricetta, usando strumenti molto specialistici ed altamente sofisticati e con un approccio più sistematico”. Questa materia copre discipline diverse tra loro come la chimica, l’ingegneria chimica, la ricerca farmaceutica e le scienze biologiche e tocca anche il marketing, la presentazione del prodotto nonché questioni ambientali e tossicologiche.

La formulazione ha un ruolo importante nello sviluppo di molte sostanze di uso quotidiano, come i prodotti per la cura personale, gli alimenti, i prodotti farmaceutici e per la pulizia della casa nonché i prodotti chimici per l’agricoltura e i rivestimenti.

Il settore industriale inoltre si rivolge sempre più spesso alla formulazione per un aiuto nella creazione di prodotti ad alto rendimento, economici e rispettosi dell’ambiente.

Gli ultimi sviluppi nel campo della nanotecnologia non sono passati inosservati dalla comunità della formulazione. L’inserimento di nanomateriali nelle formule richiede però una valutazione completa degli impatti di tali sostanze sulla salute umana e sull’ambiente.

L’obiettivo del progetto INFORM consiste nel permettere ai principali scienziati che si occupano di formulazione del mondo di condividere la migliore pratica sull’uso dei nanomateriali nelle formule. Le attività del progetto si concentreranno in particolare su sei aree prioritarie: la preparazione di nano-bio materiali; il trattamento e la lavorazione delle nanopolveri; il processo di intensificazione e formulazioni di nanomateriali morbidi; chimica fisica su nanoscala; la nanoscala e la formulazione di rivestimenti, pellicole e nastri intelligenti e funzionali; tossicologia e altri effetti dei nanomateriali sulla salute.

Il progetto incoraggerà lo scambio di idee e conoscenze tra i partner del progetto attraverso diversi strumenti. I forum tecnici e i workshop scientifici spingeranno lo scambio di idee scientifiche e la comunicazione di risultati di ricerca, mentre gli eventi di networking aiuteranno i ricercatori a trovare e a consolidare contatti per future collaborazioni.

Le missioni di studio permetteranno ai partner di capire meglio le reciproche esigenze e abilità e le missioni commerciali permetteranno lo scambio di capacità, idee, servizi e prodotti. Inoltre una promozione dello scambio di ricercatori rafforzerà i legami tra i partner del progetto, che sono sparsi in tutto il mondo.

INFORM è coordinato dall’Università di Manchester nel Regno Unito, i 17 partner del progetto provengono da Australia, Cina, Francia, Germania, India, Israele, Malesia, Singapore, Spagna, Svezia, Regno Unito e Stati Uniti e comprendono università, laboratori di ricerca pubblici e aziende.

Fonte: cordis

Copyright © - Riproduzione riservata
1,7 milioni di euro per ideare una formula Chimici.info